Blog

Legge di Bilancio 2022, le novità per agevolazioni e finanziamenti

Woman using a calculator with a pen in her hand

Numerose le proroghe e le modifiche previste dalla Legge 30 dicembre 2021, n. 234 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024” (Legge di Bilancio 2022), pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 310 del 31 dicembre 2021.

Credito di imposta R&S, innovazione e design

Lunga proroga per il credito d’imposta per le attività di ricerca, sviluppo, innovazione e design, che per alcune attività viene confermato addirittura fino al 2031, ma che vedrà una nuova riduzione delle aliquote agevolative (art. 1, comma 45). Di seguito uno schema riassuntivo con un confronto con il prossimo anno 2022.

Attività 2022Attività 2023 – 2031
Ricerca e sviluppo20% (max 4 Ml€)10% (max 5 Mln€)
agevolazioni per investimenti in R&S

Attività 2022Attività 2023Attività 2024 – 2025
Innovazione tecnologica10% (max 2 Ml€)10% (max 2 Ml€)5% (max 2 Mln€)
Innovazione tecnologica per transizione ecologica o di innovazione digitale 4.015% (max 2 Ml€)10% (max 2 Ml€)5% (max 4 Mln€)
Design e ideazione estetica10% (max 2 Ml€)10% (max 2 Ml€)5% (max 2 Ml€)
agevolazioni per investimenti in innovazione

Per maggiori informazioni sull’agevolazione per l’anno 2022 CLICCA QUI.

Bonus Investimenti 4.0 (Credito di Imposta 4.0).

Viene prorogato e rimodulato il credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi 4.0 (art. 1, comma 44). In particolare la proroga riguarda gli investimenti realizzati a partire dal 1°gennaio 2023 fino al 2025, in quanto l’anno 2022 era già stato previsto dalla precedente Legge di Bilancio.

Le agevolazioni sono viste a ribasso. Di seguito il dettaglio con un confronto con l’anno 2022:

Investimenti01.01.2022 – 31.12.2022 o 30.06.2023 con ordine e acconto almeno pari al 20% entro il 202201.01.2023 – 31.12.2025 o 30.06.2026 con ordine e acconto almeno pari al 20% entro il 2025Fruibilità
Beni materiali 4.0 Allegato A (2017)– 40% per investimenti fino a 2,5 milioni
– 20% per investimenti tra 2,5 e 10 milioni
20% per investimenti fino a 2,5 milioni
10% per investimenti tra 2,5 e 10 milioni
3 quote annuali
10% per investimenti compresi tra 10 e 20 milioni5% per investimenti compresi tra 10 e 20 milioni 3 quote annuali
01.01.2022 – 31.12.2022 o 30.06.2023 con ordine e acconto almeno pari al 20% entro il 2022– 01.01.2023 – 31.12.2023 o 30.06.2024 con ordine e acconto almeno pari al 20% entro il 2023

– 01.01.2024 – 31.12.2024 o 30.06.2025 con ordine e acconto almeno pari al 20% entro il 2024

– 01.01.2025 – 31.12.2025 o 30.06.2026 con ordine e acconto almeno pari al 20% entro il 2025
Beni immateriali 4.0 Allegato B (2017)20% per investimenti sino a 1 milione– 20% per investimenti sino a 1 milione

– 15% per investimenti sino a 1 milione

– 10% per investimenti sino a 1 milione
3 quote annuali

Non vi è proroga invece per il credito di imposta sugli investimenti ordinari a partire dal 2023.

Per maggiori informazioni sull’agevolazione per l’anno 2022 CLICCA QUI.

Nuova Sabatini

Viene rifinanziata con 900 milioni di Euro la Nuova Sabatini e reintrodotta l’erogazione in più quote per i finanziamenti di importo non superiore a 200.000 euro (art. 1, commi 47 e 48).

Per maggiori informazioni sulla misura CLICCA QUI

SIMEST

Il comma 49 incrementa di 1,5 miliardi per ciascuno degli anni dal 2022 al 2026, la dotazione del Fondo rotativo a favore delle imprese italiane che operano sui mercati esteri ex 394/1981;

Aumentata di 150 milioni per ciascuno degli anni dal 2022 al 2026 anche la dotazione del Fondo per la promozione integrata (ex art. 72, comma 1, del D.L. 18/2020).

Fondo Garanzia PMI

I commi da 53 a 58 intervengono sulla disciplina del Fondo di garanzia, prorogando fino al 30 giugno 2022 la disciplina straordinaria prevista dal decreto Liquidità (D.L. n. 23/2020), prevedendo, al contempo, che a partire dal 1° aprile 2022, le garanzie saranno concesse previo pagamento di una commissione da versare al Fondo.

Viene inoltre disposto che, dal 1° gennaio 2022, la copertura del Fondo sui finanziamenti fino a 30.000 Euro passa dal 90 all’80%.

A far data dal 1° luglio 2022 invece non troverà più applicazione la disciplina straordinaria di intervento del Fondo.

Ai sensi del comma 55, a decorrere dal 1° luglio 2022 e fino al 31 dicembre 2022, l’importo massimo garantito per singola impresa dal Fondo sarà pari a 5 milioni di euro e la garanzia sarà concessa mediante applicazione del modello di valutazione, fatta salva l’ammissibilità alla garanzia del Fondo dei soggetti rientranti nella fascia 5 del medesimo modello di valutazione.

Le operazioni finanziarie concesse, per esigenze diverse dal sostegno alla realizzazione di investimenti, in favore dei soggetti beneficiari rientranti nelle fasce 1 e 2 del predetto modello di valutazione saranno garantite dal Fondo nella misura massima del 60% dell’importo della medesima operazione finanziaria. In relazione alla riassicurazione, la misura massima del 60% è riferita alla misura della copertura del Fondo di garanzia rispetto all’importo dell’operazione finanziaria sottostante. Resteranno ferme le maggiori coperture previste, in relazione a particolari tipologie di soggetti beneficiari, dal decreto ministeriale 6 marzo 2017.

Microcredito

Il comma 914 modifica la disciplina del microcredito elevando da 40.000 a 75.000 Euro l’importo massimo di credito concedibile per le operazioni di lavoro autonomo e di microimprenditorialità. Agli intermediari di microcredito viene inoltre concesso di concedere finanziamenti a società a responsabilità limitata senza l’obbligo di assistenza di garanzie reali, nell’importo massimo di 100.000 Euro.

Per maggiori informazioni sulle misure è possibile contattarci al numero 0521.227231 o scrivere a info@prefinaparma.it

Write a comment