Novità 2020: nuovi contributi per le imprese del commercio al dettaglio e della somministrazione di alimenti e bevande

Favorire e promuovere la riqualificazione e la valorizzazione delle attività commerciali presenti in Emilia-Romagna sono gli obiettivi del nuovo bando promosso dalla Regione, che dà la possibilità a micro, piccole e medie imprese che operano nel settore del commercio al dettaglio e della somministrazione al pubblico di alimenti e bevande di ricevere un contributo per la realizzazione di progetti di riqualificazione, ristrutturazione e ampliamento delle proprie strutture o dell’offerta di nuovi prodotti e servizi alla clientela.

TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: dalle ore 10.00 del giorno 18 febbraio 2020 alle ore 13.00 del giorno 18 marzo 2020. Chiusura anticipata al raggiungimento di 150 domande, salvo riapertura della finestra in caso di non esaurimento delle risorse.

TIPOLOGIA DEL CONTRIBUTO:
Contributo in Regime De Minimis a fondo perduto nella misura del 40% della spesa ammessa, con le seguenti premialità (in specifici casi cumulabili):

+ 5% per progetti di investimento con ricaduta positiva sull’occupazione, e/o proposti da imprese femminili, e/o giovanili, e/o con rating di legalità; e/o appartenenti ai settori della S3.

+ 5% per progetti di investimento proposti da imprese localizzate in aree montane o in aree 107.3. c.

+ 10% Progetti di imprese che esercitano l’attività in immobili presi in locazione con contratti regolarmente registrati.

Contributo max. 30.000,00 Euro

BENEFICIARI:

  • Micro, piccole e medie imprese – appartenenti alla sezione G47 dei settori di attività economica Ateco 2007, (con esclusione dei seguenti gruppi e sottogruppi: 11.1 “Ipermercati”; 47.11.2 “Supermercati”; 47.3 “Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione”; 47.8 “Commercio al dettaglio ambulante”; 47.9 “Commercio al dettaglio al di fuori di negozi, banchi e mercati”) – che esercitano attività commerciale al dettaglio in sede fissa e aventi i requisiti di esercizio di vicinato ai sensi della vigente normativa (art. 4, comma 1, lettera d del D. Lgs. 114/1998 e smi).
  • Micro, piccole e medie imprese – appartenenti alla Sezione I56 dei settori di attività economica Ateco 2007, (con esclusione dei seguenti gruppi e sottogruppi: 56.10.12 “Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole”; 56.10.2 “Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto 56.10.4 Ristorazione ambulante e gelaterie ambulanti; 56.10.41 “Gelaterie e pasticcerie ambulanti”; 56.10.42 “Ristorazione ambulante”; 56.10.50 “Ristorazione su treni e navi”; 56.21 “Fornitura di pasti preparati (catering per eventi)”; 56.21.00 “Catering per eventi, banqueting”; 56.29 “Mense e catering continuativo su base contrattuale”; 56.29.10 “Mense”; 56.29.20 “Catering continuativo su base contrattuale” – che esercitano, attività di pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e/o bevande ai sensi della vigente normativa (art. 2, comma 2 della L.R. n. 14/2003 e smi)

TIPOLOGIA DEI PROGETTI AMMISSIBILI:

I progetti dovranno avere una dimensione minima di 15.000,00 euro e riguardare:

Riqualificazione, ristrutturazione e/o ampliamento delle strutture nelle quali si svolge l’attività
Offerta di nuovi prodotti e/o servizi alla clientela e/o per il loro miglioramento o consolidamento anche tramite l’introduzione delle più moderne tecnologie informatiche e digitali.

Quali a titolo di esempio e non esaustivo: Sistemi di cassa evoluti e Mobile POS; Digital Signage, vetrine intelligenti, camerini smart, realtà aumentata, self scanning; App, Siti web Ecommerce, Totem, TouchPoint e sistemi di cassa; Sistemi per l’accettazione di couponing e loyalty.

SPESE AMMISSIBILI:

  • Le spese dovranno essere sostenute dalla data di presentazione della domanda di contributo e sino alla data del 31/12/2020;
  • Saranno ammissibili spese relative a:

Opere edili, murarie e impiantistiche connesse agli interventi di riqualificazione, ristrutturazione e/o ampliamento delle strutture in cui si svolge l’attività.

Consulenze di progettazione, direzione lavori e collaudo, ristrutturazione e/o ampliamento delle strutture nelle quali si svolge l’attività (nella misura massima del 10% delle spese di cui alla precedente voce).

Hardware, Software, servizi di cloud computing, siti internet ed e-commerce.

Acquisto di brevetti, marchi, licenze.

– Acquisizione di servizi di consulenza strettamente connessi alla realizzazione dei progetti e/o richiesti per la presentazione della domanda (nella misura massima del 10% di tutte le spese elencate precedentemente).

Per informazioni e per la presentazione delle domande potete rivolgervi a Fontana Francesco | Tel. 0521.227246 | Email: ffontana@prefinaparma.it